Un ecocardiogramma all’Asl di Rieti? Si tra un anno

ospedale_san_camillo_de_lellis_rieti_31
Print Friendly

Un nostro iscritto ci ha segnalato che andando alla Asl il 25 febbraio a richiedere un Ecocardiogramma si è sentito rispondere dalla povera addetta allo sportello che il primo giorno utile era il 28 febbraio 2018. Sì, dopo oltre un anno. Adesso questa persona andrà in uno studio privato e pagherà profumatamente per avere un servizio che serve. Ritengo assurda questa prassi”.

La Regione Lazio e il management della Asl non possono trattare la sanità reatina così. Il problema, ovviamente, non sta nei medici e negli infermieri del Reparto di Cardiologia che si fanno in quattro e lavorano con grande impegno. I disagi nascono e crescono perchè c’è carenza di personale e di investimenti in apparecchiature. I lavoratori della Asl vanno in pensione e non vengono sostituiti, di questo passo dove si andrà a finire?

Addirittura, la Regione impone i tagli nei pannoloni delle persone anziane! Ora se ti danno le lenzuola per il vecchietto che ha incontinenza, non ti assegnano i pannoloni e viceversa. Secondo la Regione sarebbero questi gli sprechi su cui intervenire?”.

Nota di Alberto Paolucci, segretario provinciale della Uil di Rieti.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento