Successo della NPC contro Siena. Si avvicina la zona play off

npc_siena_1
Print Friendly

Sabato sera in terra toscana è andata in scena Mens Sana Siena – NPC Rieti. Con oltre 200 tifosi reatini al seguito la squadra reatina ha stravinto 90 – 55.

Rieti cala la quinta vittoria consecutiva, sbanca il Palasclavo con una grandissima prestazione che annulla la pericolosità dei biancoverdi. Una vittoria corale e mai messa in discussione per gli uomini del presidente Cattani.

La dichiarazione di coach Nunzi in sala stampa:

“Per noi era una partita di grande importanza perché doveva darci delle conferme soprattutto a livello mentale. Questo è un campo difficile. Siena è una squadra, come avevo già dichiarato, difficile da affrontare perché è una squadra tosta, dura, oggi era la partita dove le nostre attitudini mentali a reggere certi tipi di partita venivano messe alla prova. Siamo stati bravi perché l’abbiamo saputa affrontare fin dall’inizio e poi nel corso della partita siamo cresciuti a livello di intensità, riuscendo a pareggiare quella di Siena e grazie anche a delle percentuali in attacco importanti, permettendoci di prendere un buon vantaggio e poi portarlo avanti fino alla fine.

Già alla fine del primo tempo avevo fatto i complimenti a tutti i ragazzi entrati in campo perché anche se per poco tutti avevano dato un apporto veramente importante alla partita. Bisogna continuare su questa strada cercare di non essere sazi di quello che abbiamo fatto. Il campionato è ancora lungo mancano 7 partite, dobbiamo vivere alla giornata perché ci troviamo in una zona di classifica dove obiettivamente potremmo essere fuori dalla zona salvezza, ma potremo essere ancora lontani dai play off. Bisogna aspettare i risultati di domani, lavorare serenamente come abbiamo fatto finora e cercare di crescere ulteriormente.

Le percentuali ci hanno aiutato parecchio. Ad essere onesti abbiamo anche approfittato di una giornata storta al tiro di Siena. Alla fine ha fatto parecchi tiri aperti senza riuscire a metterli. Sicuramente la cosa che mi è piaciuta di più è stata la capacità di rimanere in partita in tuti i sensi per 40 minuti, non abbiamo avuto cali né di concentrazione né cali tecnici, siamo sempre andati a produrre dove la partita ci chiedeva. Complimenti perché ci siamo mandati un segnale che stavamo cercando: un’altra vittoria fuori casa su un campo come questo che ci potesse far capire che siamo veramente in una fase di crescita importante.

La mia migliore partita? Non lo so. La cosa che mi fa piacere che oggi è la mia 150esima partita in amarantoceleste, mi fa tanto piacere essere riuscito a coronarla con una vittoria del genere, poi se è la migliore non lo so.

La voglia di guardare avanti c’è sicuramente. Siamo un po’ in ritardo, ma ci proveremo a cercare di proseguire questa striscia di vittoria e se ci riusciremo ci porterà attaccati alla zona play off perché adesso andremo ad incontrare tutte squadre che stanno lottando per lo stesso obiettivo”.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *