SOTTO CONTROLLO L’INCENDIO A PETRELLA SALTO

Incendio Petrella Salto
Print Friendly
La breve pioggia di ieri non ha risolto l’incendio che ormai da una settimana divampa sulle alture del Comune di Petrella Salto, anzi ha creato le condizioni (scarsa visibilità dovuta alle nubi) per inibire l’attività operativa dei mezzi aerei che stavano operando.

La pioggia caduta infatti non è riuscita a penetrare il fitto strato di lettiera del sottobosco dove l’incendio cova per poi risorgere con le sue fiamme devastanti. In questi giorni sul fronte delle fiamme si sono avvicendati continuamente gli uomini e le donne del Corpo Forestale dello Stato, presidiando la zona delle operazioni anche nelle ore notturne per poi ricominciare ad operare alle prime luci dell’alba. Per aver ragione sul rogo in questa settimana appena trascorsa si sono avvicendati i mezzi aerei della flotta del Corpo Forestale dello Stato, della protezione civile, della regione Lazio e dell’esercito sganciando sull’incendio un vero e proprio fiume d’acqua quantificabile in oltre un milione di litri tra acqua e ritardante.

L’orografia del terreno non ha certo favorito il personale che operava a terra vista la fitta vegetazione boschiva di specie quercine, carpini aceri e faggio a da un sottobosco altrettanto intrigato abbarbicato su versanti con notevole acclività da rendere difficoltosa anche il solo raggiungere il fronte del fuoco. L’incendio che durante la sua evoluzione ha avuto continue modificazioni dividendosi in più focolai, distribuito su una superficie vasta (quasi 50 ettari) per poi mutare ancora caratterizzandosi in due fronti ben distinti. Questa mattina per domare definitivamente il fronte del fuoco e poter quindi porre la parola fine su quest’incendio, stanno operando due squadre a terra, coadiuvate da un elicottero per poter bonificare sia il perimetro che quelle situazioni a rischio che si trovano all’interno dell’area percorsa già dalle fiamme. Sono infatti diversi i trinchi di vetuste querce che continuano a bruciare e che schiantandosi al suolo, stante la forte pendenza potrebbero facilmente accendere il fuoco fuori dal perimetro disegnato dall’incendio stesso.

Anche un Forestale in pensione, originario della zona profondo conoscitore dei boschi di Petrella Salto si è offerto di collaborare con il Comando Forestale di Rieti, per accompagnare le squadre a terra lungo quei sentire spesso sconosciuti e non riportati sulle mappe, per poter meglio operare la bonifica Il Comandate Provinciale del Corpo Forestale dello Stato sottolinea come il gesto di uno sconsiderato arrechi, attraverso l’incendio, un danno irreparabile all’ambiente ed un danno economico a tutta la comunità considerato che lo spegnimento dei roghi ha costi elevatissimi, basti pensare che il costo di una sola ora di volo di un elicottero può variare da 2.000 a 8.000 euro.
Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento