Scuole sicure, Rosati risponde ad Angelucci

letizia_rosati_1
Print Friendly

“Sono stata tutto il giorno in Comune per ottemperare a una serie di impegni e colloqui rivolti alla questione edilizia scolastica e non solo.

Leggo solo ora la nota del consigliere Angelucci (LEGGI) che mi chiama in causa, sulla questione bollente legata alla riapertura delle scuole e la sicurezza dei nostri ragazzi. Mi limito a dire che detta nota è parziale, imprecisa e strumentale perchè priva delle informazioni dirette e aggiornate. Mi chiedo, per esempio, sulla base di quale motivo tecnico una scuola totalmente nuova, ricostruita ex novo a Villa reatina non è sicura e a Campoloniano si?

In questo periodo c’è stato un susseguirsi serrato di colloqui con i due comitati dei genitori, Comitato scuole sicure e il Gruppo Filippo Sanna-genitori per scuole sicure, che si sono costituiti nel corso dello scorso anno. Non sono mancati anche incontri con il dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, alcuni dirigenti scolastici, i tecnici del Comune e singoli cittadini.

Come già apparso più e più volte sulla stampa sia il sindaco Cicchetti che l’assessore Emili hanno detto e ridetto che si stanno approntando tutte le azioni per dare una sede “provvisoria” a quegli studenti che non potranno rientrare nelle rispettive scuole. Non mancherà il confronto formale con tutti gli operatori del mondo scolastico e soprattutto si costituirà un gruppo di lavoro permanente teso all’ascolto e alla condivisione delle problematiche, criticità e soluzioni. Un gruppo che vedrà la presenza di ingegneri di ambedue i comitati dei genitori i quali sono stati già designati dai rispettivi comitati.

Siamo consapevoli che i tempi sono stretti ma altrettanto consapevoli che al momento del nostro arrivo in palazzo di città non vi era la predisposizione di un piano articolato per accogliere i ragazzi sia di Villa Reatina che del Marconi. Abbiamo fatto una gara per conoscere gli immobili idonei a tale scopo e ne stiamo valutando le caratteristiche/potenzialità/criticità.

Come scrissi già giorni fa un albero che cresce non fa rumore come un albero che cade! Non sono un leone da tastiera e non è nel mio stile fare dichiarazioni avventate pur di avere un po’ di like affrettati sui social. Dico a tutti: stiamo sul pezzo molto più di quanto crediate”.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento