RIQUALIFICAZIONE DEL FIUME VELINO. LA PROVINCIA DI RIETI HA APPALTATO LAVORI PER 200MILIONI. LE RISORSE DA UN FINANZIAMENTO DELLA REGIONE LAZIO

Rieti, fiume Velino
Print Friendly
L’amministrazione provinciale di Rieti ha deliberato l’appalto relativo ai lavori di riqualificazione del tratto del fiume Velino che attraversa la città di Rieti tra Ponte Cavallotti (zona Porta d’Arce) e il cosiddetto Ponte di Ferro, il onte ferroviario all’inizio della Piana Reatina. Si tratta di opere di riqualificazione ambientale e urbanistica e saranno finanziate attraverso uno stanziamento della Regione Lazio (circa 200milioni di euro) nell’ambito delle politiche previste dal progetto Rete Ecologica Natura 2000 che Regione Lazio, Provincia e Comune di Rieti stanno portando avanti con l’obiettivo comune di valorizzare sempre di più, e anche a fini turistici, il patrimonio naturale che il territorio reatino è in grado di offrire.

Il progetto, che nasce da uno studio realizzato nel 2008 proprio dall’Amministrazione provinciale e che ha visto coordinarsi diverse amministrazioni, riguarderà prima di tutto il tratto cittadino dell’asse fluviale ma coinvolgerà anche Lago Lungo. Sulle sponde dello specchio d’acqua che si trova all’interno della Riserva dei laghi Lungo e Ripasottile, verrà infatti realizzato un bosco igrofilo, costituito cioè da piante in grado di vivere e svilupparsi in ambienti con un suolo permanentemente ricco di acqua e atmosfera sempre satura di umidità. L’intervento avrà lo scopo di favorire il passaggio e la permanenza degli aironi nel territorio dell’area protetta dove da sempre caratterizzata dal passaggio di diverse specie migratorie che gli appassionati possono “spiare” (in gergo l’attività si chiama birdwaching) dai numerosi capanni di osservazione cosparsi lungo i vari sentieri della riserva.

Per quanto riguarda il tratto “reatino” del fiume Velino, le opere saranno finalizzate alla ricostituzione, conservazione e potenziamento degli elementi di naturalità e continuità ecologica, mentre una parte degli interventi avrà lo scopo di sistemare le aree limitrofe al fiume. Ne è un esempio il tratto di Via delle Mimose dove saranno sistemate le sponde del fiume e attraverso la realizzazione di un marciapiede si creerà un percorso pedonale che proseguirà anche dopo l’attraversamento del ponte Giovanni XXIII (Viale Matteucci) e si ricongiungerà poi, lungo l’argine del fiume, al campo di atletica leggera di Piazzale Leoni.

Previsto inoltre con un piano di messa a dimora di siepi, arbusti e alberi da frutto per un totale di circa 2000 piante con le quali si tenterà di ripristinare l’immagine antica della città nella zona prossima al fiume.

Il progetto da seguito a tre precedenti interventi che si sono succeduti sempre sul tratto cittadino del fiume Velino.

Il primo è stato quello realizzato dall’Agenzia Regionale per la Difesa del Suolo (Ardis) che ha messo in opera, con una tecnica che ha incuriosito non poco i cittadini che hanno visto all’opera nell’acqua ruspe ed escavatori, una cosiddetta palificata spondale per la protezione degli argini e delle sponde del fiume. Il secondo intervento è stato realizzato dal Comune di Rieti che ha avviato i lavori del primo lotto della pista ciclabile che, costeggiando il fiume, congiungerà il ponte romano con ponte Cavallotti. Importante il contributo della Direzione Regionale Ambiente, della Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile e del Consorzio di Bonifica.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento