Rieti, follia in carcere, Sappe: la Regione ha ormai raggiunto l’allarme rosso

penitenziario_carcere_provincia_di_rieti_11
Print Friendly

Ennesimo episodio di violenza tra le sbarre di un carcere laziale, Regione che ha ormai raggiunto l’allarme rosso. Teatro del nuovo evento critico è il carcere di Rieti, come spiega il Segretario Nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE Maurizio Somma: “Stanotte un detenuto nigeriano di 21 anni, ristretto perché responsabile di reati di porto abusivo armi e violenza, per altro già noto alle Forze dell’ordine per atti violenti, ha dato in escandescenza ed ha prima dato fuoco alla cella e poi aggredito 6 poliziotti penitenziari in servizio nel carcere di Rieti, che sono rimasti contusi e si sono successivamente recati al Pronto Soccorso per le cure del caso.

E’ ormai quotidiano il “bollettino di guerra” che proviene dalle carceri del Lazio, sempre più ingovernabili e ad alta tensione. Anche per questa una delegazione del SAPPE Lazio manifesterà a Roma il prossimo 19 settembre, in piazza Montecitorio davanti alla Camera dei Deputati, nella manifestazione nazionale di protesta che il SAPPE e tutti gli altri Sindacati della Polizia Penitenziaria hanno proclamato per denunciare lo stato di irreversibile abbandono nel quale è lasciato il Corpo di Polizia Penitenziaria ed i suoi appartenenti”.

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, è netto nella denuncia:

“Non ci si ostini a continuare a vedere le carceri con l’occhio deformato dalle preconcette impostazioni ideologiche, che vorrebbero rappresentare una situazione di normalità che non c’è affatto. Gli ultimi governi italiani hanno sbagliato tutto sulle tematiche penitenziarie, consegnando le carceri in mano ai detenuti con la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario aperto e abbandonando a loro stessi i poliziotti penitenziari. E a nulla sono serviti gli Stati Generali sull’esecuzione penale (dove qualcuno avrebbe voluto addirittura inserire come esperti condannati con sentenze passate in giudicato….), che si sono rivelati un palliativo inefficace ed inutile rispetto alla drammaticità della situazione. Non sono serviti a nulla, se non a dare visibilità a chi evidentemente nulla sa di carcere e detenuti (e men che meno di Polizia Penitenziaria, che infatti non aveva alcun suo appartenente a presiedere uno dei tanti tavoli tematici degli Stati Generali)… Questi ‘professori’ che conoscono il carcere solamente sui libri devono capire che le celle delle carceri devono stare chiuse: altrimenti si consente ai detenuti di girare per le sezioni detentive tutto il giorno senza fare nulla, a tutto discapito della sicurezza e della incolumità dei poliziotti penitenziari. Se lo mettano bene in testa: e se stessero una settimana al fianco di un Agente di Polizia Penitenziaria in prima linea nelle sezioni detentive di un qualsiasi carcere italiano lo comprenderebbero meglio”.

“Il sistema delle carceri non regge più”, conclude il leader nazionale del SAPPE. “Sono state tolte, ovunque, le sentinelle della Polizia Penitenziaria sulle mura di cinta delle carceri, e questo è gravissimo. I vertici dell’Amministrazione Penitenziaria hanno smantellato le politiche di sicurezza delle carceri preferendo una vigilanza dinamica e il regime penitenziario aperto, con detenuti fuori dalle celle per almeno 8 ore al giorno con controlli sporadici e occasionali. Mancano Agenti di Polizia Penitenziaria e queste sono le conseguenze. E coloro che hanno la responsabilità di guidare l’Amministrazione Penitenziaria si dovrebbe dimettere dopo tutti questi fallimenti“.

1 Commento
Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento