RdB PRECISA SULLA SITUAZIONE DEGLI L.S.U.

Print Friendly

R d B Club RietiNegli ultimi giorni nell’etere reatina si è avuto sentore di dichiarazioni di rappresentanti sindacali, che oltre a rivendicare un ruolo principale del proprio sindacato nella difesa dell’occupazione nellaProvincia di Rieti, avrebbero anche individuato (..che sorpresa..!?!?) nel lavoro precario il “male” da sconfiggere. Sentire tali sindacalisti “imprecare”contro il lavoro interinale, considerando i lavoratori precari “gli ultimi” e più indifesi…francamente è un po’ sconvolgente. 

Se da un lato siamo felici ( increduli e sorpresi) che delegati di sindacati confederati (concertativi e governativi) si siano finalmente accorti che la precarietà lavorativa e sociale è uno dei principali problemi di questo paese, bisogna, soprattutto, sottolineare e dire con forza e chiarezza chi sono stati e chi sono i veri responsabili che hanno reso precario l’interopaese Italia.
 
Se è oggettivo ed innegabile che  RdB si è opposta dalla sua nascita a qualsiasi forma di lavoro precario, opponendosi all’introduzione di quelle leggi sul lavoro (Legge Treu e Legge 30) che hanno iniziato il percorso di precarizzazione del lavoro e della vita sociale in Italia, non vi è
altrettanto dubbio che gli altri sindacati confederati, CGIL (durante i governi di centro-sinistra) CISL e UIL (sempre), ai quali si aggiungeva l’UGL (nei governi di centro-destra), SOSTENEVANO e SOTTOSCRIVEVANO tali provvedimenti.
 
Sentire ora rappresentanti sindacali locali che pubblicamente si indignano per la precarietà del lavoro ed i contratti interinali (dimenticando o non sapendo) che il proprio sindacato gestisce Agenzie di lavoro interinale (assurdo ed inqualificabile), sembra quanto meno una mancanza di rispetto nei riguardi di coloro, lavoratori e sindacalisti, che quotidianamente (con il rischio di essere licenziati o non vedersi rinnovato il proprio contratto alla scadenza, proprio a causa di tali rivendicazioni sindacali) lottano contro il lavoro precario, per il diritto alla salute, per il diritto
all’istruzione e soprattutto per il diritto ad una VITA DIGNITOSA.
Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento