Progetto Asl sulle dipendenze: “Desidero o Dipendo ¿”. Le riflessioni degli studenti

asl_rieti_desidero_o_dipendo
Print Friendly

La Direzione Aziendale della Asl di Rieti, grazie al prezioso contributo del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche, ha promosso, nel corso dell’anno scolastico 2017/18, un Progetto di prevenzione e promozione della salute dal titolo “Desidero o Dipendo ¿”.

Il progetto, mirato ad affrontare il tema della dipendenza nelle sue diverse declinazioni: Dipendenza da cibo, da Internet, dai Media, dalle sostanze psicoattive, non ultimo il tema della dipendenza affettiva, cercando di toccare le molteplici dimensioni della vita che limitano o condizionano la possibilità di scelta dell’individuo, ha visto il coinvolgimento di una rappresentanza di studenti delle diverse sezioni delle classi seconde, di cinque Istituti Superiori affiancati dagli insegnanti individuati per la realizzazione del Progetto: I.O.C.  di Amatrice, I.O.C.  di Borgorose, I.I.S.   “Aldo Moro” di Fara in Sabina, I.P.S.S.E.O.A.  di Rieti, Istituto Magistrale “Elena Principessa di Napoli” Rieti.

Dieci gli operatori dell’Azienda Sanitaria Locale impegnati nel Progetto (neuropsichiatra infantile, psichiatra, assistenti sociali, psicologi e sociologo) e coordinati dalla psicologa Carla Maria Matteucci. Un lavoro volto al rafforzamento della capacità degli adolescenti nell’attivazione del pensiero critico, che mira a potenziare la capacità di scelta di fronte a quanto proposto e indotto dalla società, in particolare attraverso i Media, con l’obiettivo di proporre una riflessione sulla dimensione del desiderio inteso come ricerca della bellezza nella propria vita. Al giorno d’oggi infatti si assiste alla ricerca, da parte dei giovani, di una gratificazione immediata che non porta mai ad una totale soddisfazione, generando ogni volta nuove voglie, creando falsi bisogni, impedendo così l’accesso alla dimensione del desiderio.  I ragazzi hanno creato un’idea comune, adottato un modello organizzativo e soprattutto hanno prodotto un lavoro finale che rappresenta quel gruppo, sperimentando durante le varie fasi di realizzazione l’importanza dell’apporto di ognuno. Entro la fine dell’anno scolastico, all’interno in ogni Istituto sarà effettuata la presentazione da parte degli studenti aderenti al Progetto, dell’esito del loro impegno alla comunità più allargata della scuola.

Le fasi finali del Progetto, con la presentazione degli elaborati prodotti dagli studenti dei cinque Istituti coinvolti, saranno presentati il 22 maggio p.v dalle 8.45 alle 13.00, presso l’Auditorium Varrone.  L’apertura dei lavori sarà affidata al Direttore del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche della Asl di Rieti Gabriella Nobili e dal Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Giovanni Lorenzini.  Interverranno: Michele Marangi docente di Peer e Media Education, professionista nel campo della formazione e della consulenza relativa all’utilizzo dei Media e Paola Bianchini, dottore in filosofia teoretica e psicologia clinica, esperta nella prevenzione del disagio giovanile.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento