PRIMA TRASFERTA PER LA LINKEM NPC RIETI

Linkem NPC Rieti
Print Friendly
Archiviata la sconfitta all’esordio contro un’ottima MEC Energy Roseto, la Linkem NPC Rieti si prepara alla prossima uscita contro una temibile Stella Azzurra Roma. 
La squadra di coach D’Arcangeli, padre padrone della fiorente realtà romana, è stata completamente rinnovata rispetto allo scorso campionato dalle partenze di Bruno Ondo Mengue e Abdel Fall approdati a Trieste in Lega2, di capitan Simone Colonnelli finito in quel di Jesi in Lega2, di Matteo Fallucca a Ferrara in DNA e di Francesco Ramenghi a Perugia sempre in DNA. 
Alla prima uscita stagionale gli stellini hanno perso sul campo di Ostuni per 100-80, nonostante le ottime prove fornite dal ‘93 Paesano (20 punti e 28 di valutazione) e dal ‘94 Leonzio, autore di 18 punti. Ritmi alti, platoon system e zone-press a tutto campo sono il carattere distintivo della formazione romana che senza dubbio fa del suo stile di gioco l’arma più temibile. La formazione romana con l’età media più bassa del campionato (18,5 anni) è stata assemblata con l’intento di valorizzare i molti giovani del proprio vivaio. La guida dentro e fuori dal campo sarà il nuovo capitano stellino Matteo D’Ascanio, classe ‘89, che avrà il compito di fare da chioccia ai vari Alibegovic (‘95) e Grande (‘94) per non parlare dei sedicenni La Torre, Sorrentino e Banach (classe ’97).
In casa amarantoceleste gli uomini di coach Peron hanno lavorato a ranghi ridotti sia a causa di un’influenza virale che ha colpito alcuni sia di risentimenti muscolari di Grillo, Bagnoli e Mascagni. Gli influenzati sono stati recuperati sul finire della settimana ed i tecnici dovrebbero disporre di quasi tutta la squadra. La notizia migliore proveniente dall’infermeria è quella che riguarda il ritorno sul parquet di Roberto Feliciangeli che ha cominciato giovedì sera l’inserimento graduale nel gruppo. Palla a due questa sera alle ore 18:00, presso l’Arena Altero Felici, arbitrano i signori Alessio Lauretani Alessio e Leonardo Solfanelli entrambi di Livorno.
Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *