OPERAZIONE “FRATELLO SOLE” SGOMINATA DAI CARABINIERI UNA BANDA DI MAGREBINI

Carabinieri Operazione Fratello Sole
Print Friendly

Si è conclusa con 9 arresti una complessa ed articolata indagine condotta dal Reparto Operativo – Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Rieti in collaborazione con il Nucleo Operativo della Compagnia di Cittaducale, avviata nel mese di agosto scorso e volta a disarticolare un sodalizio criminale di matrice magrebina, responsabile di numerosi reati contro il patrimonio perpetrati nelle province di Rieti, Isernia, Teramo, Potenza, Barletta, Andria, Trani e Foggia.

Con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata ai reati di furto aggravato e continuato, con l’aggravate del crimine trans-nazionale, sono finiti in manette: EL OUTRI HASSAN nato in Marocco il 14.10.1964, EL OUTRI SLAHEDDINE nato in Marocco il 10.9.1980, EL BADDAQ ABDELKADER nato in Marocco il 13.4.1970, HARRACH Rachid, nato in Marocco il 02.11.1975, SAIFI Rachid, nato in Marocco il 01.01.1984,  MEKNASSI Abdelfatah, nato in Marocco il 01.01.1980, SAIDI Mohamed, nato in Marocco in data 01.01.1984, ESSALAMI Abdelilah, nato in Marocco il 21.06.1985, AROUROU Rdouane nato in Marocco il 10.6.1985.

Nei confronti dei summenzionati indagati, tutti pluripregiudicati e clandestini, la Procura della Repubblica di Rieti (Dott. Francia) ha emesso Decreto di Fermo di indiziato di delitto che è stato eseguito la notte scorsa dai Carabinieri del Comando Provinciale di Rieti nella provincia di Foggia: Stornara, Ortanava, Carapelle e Torre Maggiore.

La banda era specializzata nella perpetrazione di furti di pannelli solari e fotovoltaici, che venivano successivamente imballati e trasportati in Marocco, dopo essere stati imbarcati nei porti di Livorno e Genova e lì rivenduti. I carabinieri del Reparto Operativo di Rieti hanno ricostruito il modus operandi della banda ed i relativi profitti. Un pannello fotovoltaico del valore di circa 800 euro, veniva venduto dai ladri all’organizzazione criminale operante in Marocco ad un prezzo di 40 euro, quivi giunto veniva poi rivenduto ad un prezzo di circa 200 euro.

L’indagine ha preso avvio dalla constatazione di alcuni furti perpetrati nel territorio della Compagnia di Cittaducale la notte tra il 6 e il 7 luglio 2012, allorquando ignoti ladri penetravano all’interno dell’Azienda “Falegnameria F.lli CAROSI” – sita in S. Elpidio di Pescorocchiano, ove si impossessavano dell’autocarro Volkswagen Crafter  con il quale si portavano al Bar M&M, sito in Corvaro di Borgorose, ove si impossessavano di nr. 6 apparecchi Slot Machine.

Tramite complesse attività tecniche i Carabinieri del Reparto Operativo e della Compagnia di Cittaducale individuavano i ladri e iniziavano una articolata attività di monitoraggio. Invece di imbattersi nelle ormai tristemente note bande di romeni, i Carabinieri hanno appurato che i ladri erano tutti marocchini e che la loro vera specialità era quella dei furti di pannelli fotovoltaici.

Andando a ritroso nel tempo i Carabinieri hanno scoperto che la banda aveva messo a segno, qualche mese prima, un furto ai danni della Società “SOLSONICA” con sede legale in Rieti di nr. 3.500 pannelli solari (per un valore di € 1.400.000). Fatto commesso in Magliano dei Marsi (AQ) la notte tra il 20-21/0 Maggio/2011.

L’operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Rieti assume rilevanza nazionale in quanto contrasta un fenomeno criminale dilagante.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento