OPERAZIONE: “JACKALS 2”, ALTRA ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE PER TERZINI E GIUFFRIDA

Print Friendly

Carabinieri di RietiUn’altra ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata notificata a Luciano Terzini, 52 anni e a Filippo Giuffrida di 37, già ritenuti autori di 4 rapine effettuate a Passo Corese e Osteria Nuova, e arrestati dai Carabinieri del Reparto Operativo il 12 Ottobre scorso.
Questa volta l’ordinanza è firmata dal GIP del Tribunale di Forlì, e i due sono stati riconosciuti autori di una rapina perpetrata il 15 settembre 2009  alla banca popolare di Lodi – Agenzia 1 di Forlì, via Meucci 1.

Ad eseguire l’arresto sono stati i Carabinieri del Reparto Operativo di Forlì, che hanno operato in collaborazione con quelli del Reparto Operativo di Rieti.

A Giuffrida l’ordinanza è stata notificata alla casa circondariale di Regina Coeli, viceversa a Terzini è stata notificata alla casa circondariale di Rieti.

Il 3 luglio dello scorso anno Terzini e Giuffrida rapinarono 40.000 euro all’agenzia Cariri di Passo Corese. Quattro mesi più tardi, sempre a Passo Corese, un nuovo colpo gli fruttò un bottino di 15.000 euro. Lo scorso aprile, si erano impossessati di 22.000 euro e l’11 agosto, a Osteria Nuova, di 20.000.

Una speciale squadra anti-rapina del Reparto Operativo di Rieti analizzò i fotogrammi delle telecamere delle banche, e, studiando le caratteristiche antropometriche dei rapinatori, constatò che si trattava delle stesse persone, che successivamente furono identificate in Terzini e Giuffrida.

Il lavoro dei carabinieri del Reparto Operativo non finì lì e i militari analizzarono i fotogrammi di tutte le rapine rimaste ad opera di ignoti commesse negli ultimi mesi.

Hanno così scoperto che le immagini dei due sospetti comparivano in un numero impressionante di rapine eseguite a Roma, a Frosinone, nell’agro pontino, nel litorale romano e anche a Forlì.
Sono stati quindi i Carabinieri di Rieti a mettere quelli di Forlì sulla giusta pista, consentendogli, così, di scoprire gli autori della rapina e a farli nuovamente arrestare.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento