M5S: “Consorzio industriale insostenibile. Porteremo in consiglio proposta di liquidazione”

locandina_manifestazione_movimento_5_Stelle_rieti
Print Friendly

“Chi sarà il nuovo Presidente del Consorzio Industriale della provincia di Rieti? Il Movimento 5 Stelle Rieti crede che oggi la domanda più corretta che ci si dovrebbe porre nelle istituzioni locali e regionali sia un’altra: hanno ancora senso i Consorzi Industriali? E soprattutto, ha ancora senso un Consorzio per lo Sviluppo Industriale della provincia di Rieti che, in realtà, è ormai diventato un Consorzio per la Speculazione Immobiliare?

Augurandoci che questo dibattito si sviluppi anche a livello regionale, come Movimento 5 Stelle Rieti ci apprestiamo a presentare in Consiglio comunale una mozione che propone la fuoriuscita del Comune di Rieti dal Consorzio e, alla Regione Lazio, di valutare la messa in liquidazione dell’Ente stesso.

Le ragioni di questa proposta sono sotto gli occhi di tutti, imprenditori che non ricevono benefici e servizi adeguati, a fronte di ingenti costi, e cittadini che vedono moltiplicarsi, nei pressi dei centri abitati, impianti di incenerimento e smaltimento rifiuti dannosi per la salute e l’ambiente ed economicamente vantaggiosi solo per chi guadagna dagli incentivi elettrici.

Se a tutto questo aggiungiamo anche gli ultimi clamorosi scandali immobiliari del deposito Cotral e del parcheggio a pagamento presso l’Ospedale, realizzati senza che il Piano Regolatore Consortile e le sue varianti siano mai state autorizzate dall’Area VAS della Regione Lazio, pensiamo ce ne sia già abbastanza per approvare la nostra proposta e per continuare a manifestare indignazione, come faremo domani dalle 16,30 ancora una volta nei pressi del parcheggio dell’ospedale e solidarizzando con i cittadini di Vazia e degli altri centri abitati limitrofi che si riuniranno in assemblea alle 19.

Tuttavia, anche volendo solo analizzare le ragioni finanziarie che ci conducono a ritenere ormai inevitabile la messa in liquidazione del Consorzio Industriale, sarebbe sufficiente guardare il budget economico 2016, risultato positivo di soli 15 euro anche grazie alla previsione di 90.000 euro di ricavi dalla gestione del parcheggio dell’Ospedale; gestione che, come sappiamo, è partita in realtà solo a dicembre 2017, addirittura anticipando quanto previsto dagli atti di gara e di concessione che sarebbe dovuta decorrere “dalla data di collaudo finale dell’opera eseguita”.

In pratica, senza questa operazione di pura speculazione immobiliare, così come senza una gestione altrettanto speculativa e “fuori controllo” del depuratore, il bilancio consortile sarebbe in continua perdita di esercizio e non ci sarebbero più le condizioni per assicurare l’assolvimento delle funzioni dell’Ente.

Pertanto, mentre i partiti scalpitano per la successione alla “poltrona” di Ferroni e degli altri componenti del CdA, noi chiederemo a tutti i consiglieri comunali di fornirci anche una sola ragione per cui valga la pena che il Comune di Rieti continui a pagare il suo contributo annuale e ad indebitarsi verso un suo Ente partecipato “sfuggito” stranamente alla Revisione obbligatoria ai sensi dell’art. 24. del D.Lgs. 19 agosto 2016, n. 175.”

Movimento 5 Stelle Rieti

 

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento