Licenziamenti STIM confermati, in regione non si trova l’accordo

luigi_d_antonio_7
Print Friendly

Si è svolto ieri presso la Regione Lazio l’incontro per discutere della procedura di licenziamento collettivo di 52 lavoratori della STIM. L’incontro è stato fatto in sede istituzionale dopo che nel confronto sindacale non si è arrivato ad un accordo.

“Come Organizzazioni sindacali – commenta Luigi D’Antonio Segretario Fiom Cgil Rieti-Roma Eva – abbiamo ribadito la necessità di utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per evitare il licenziamento e quindi utilizzare quindi uno strumento conservativo come la cassa integrazione che permettesse ai lavoratori di rimanere in carico in attesa di un possibile piano di continuità della STIM.

Dopo una lunga discussione purtroppo non si è riusciti ad arrivare ad un accordo tra le parti e quindi sono rimasti appesi i licenziamenti che, se la situazione rimane questa, saranno effettivi al termine della procedura. Pur capendo le attuali difficoltà dell’azienda, essendo in procedura concorsuale, non si capisce la ferma volontà di procedere ai licenziamenti pur essendoci, secondo noi, la possibilità di evitarli. Basta un pò di volontà e questa ovviamente è tutta in capo all’azienda”.

“Come sindacati – conclude D’Antonio – vogliamo che la STIM si salvi ed eviti il fallimento ma questo deve viaggiare parallelamente alla salvaguardia dell’occupazione. Alla fine della riunione, non essendoci al momento le condizioni per arrivare ad un accordo, la Regione Lazio a aggiornato la riunione al prossimo 6 ottobre”.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento