L’ANMIC di Rieti: Un nuovo ospedale offrirebbe servizi migliori e più efficienti

ospedale_san_camillo_de_lellis_rieti_29
Print Friendly

L’ANMIC, Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili di Rieti è in perfetta consonanza con l’appello dei Responsabili dei Dipartimenti dell’Ospedale San Camillo De Lellis di Rieti e con tutti gli operatori della sanità reatina che hanno espresso dubbi sulla ristrutturazione dell’Ospedale e hanno caldeggiato invece la costruzione di un nuovo Presidio ospedaliero.

Ciò eviterebbe una serie di disagi assistenziali ed una difficoltà nei servizi sanitari e logistici offerti ai cittadini. Oltretutto la ristrutturazione riguarderebbe solo l’antisismicità e quindi senza poter realizzare una struttura moderna e più rispondente alle necessità soprattutto sanitarie e tecnologiche.

Un nuovo modello ospedaliero potrebbe anche offrire nuovi servizi sanitari nonché strutture logistiche all’utenza (vedi le recenti polemiche sul parcheggio e sulla viabilità intorno all’attuale De Lellis).

Pertanto anche questa Associazione sollecita tutte le realtà locali, le Istituzioni e le Forze politiche ad attivarsi perché le risorse economiche disponibili vengano utilizzate per la costruzione di un nuovo Presidio ospedaliero.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento