LAGO DEL SALTO, SI ABBASSANO LE ACQUE ED AFFIORANO INVOLUCRI CON ETERNIT

Gli involucri con l'eternit
Print Friendly

Gli Agenti Forestali in forza al Comando Stazione di Fiamignano, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, a seguito di una segnalazione  giunta al numero verde di emergenze ambientali  “1515”  del Corpo Forestale dello Stato hanno individuato sulle sponde del lago Salto in località  “Ponte Ponticchio” del Comune di Pescorocchiano,  30 involucri contenenti “eternit”.


L’eternit era stato opportunamente “imballato” con un film di nylon nero in modo da non essere  visibile. Da una prima ricognizione avvenuta  su involucri parzialmente aperti  a su quelli ancora chiusi si è potuto constatare che al loro interno erano custodite lastre di “eternit” del tipo a “ondulina” e vecchie canne fumarie per un totale di circa 3 metri cubi. Il tutto lascia presupporre che il materiale  provenga da attività di demolizione.

Considerato che si tratta di rifiuti speciali pericolosi (è nota la tossicità dell’eternit  legata al fatto che contiene amianto), gli Agenti del Corpo Forestale hanno perimetrato è posta sotto sequestro l’area in questione. Sul posto è intervenuto anche personale della ASL che ha prelevato dei campioni di “eternit” al fine di procedere alle analisi di rito.

Trattandosi di una palese  violazione al Decreto legislativo n.152 del 2006 specifico in materia di smaltimento di rifiuti gli  Agenti hanno proceduto ad informare dei  fatti la Procura della Repubblica di Rieti per i provvedimenti di competenza. con una notizia di reato, per il momento, a carico di ignoti.

Gli Agenti della Forestale stanno raccogliendo indizi e testimonianze per a risalire all’autore o agli autori del gesto, i quali,  molto probabilmente, hanno approfittato del  periodo in cui le acque del lago Salto erano più alte di adesso, per disfarsi dello scomodo “bagaglio”.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento