Intervista a Sandro Brandi, coach del minibasket targato NPC Willie

sandro_brandi_minibasket_npc_willie
Print Friendly

La NPC Willie tra i suoi gruppi può vantare anche una squadra di minibasket, guidata da coach Sandro Brandi, anche vice allenatore dell’under 15 elite. Abbiamo incontrato Sandro per parlare del progetto NPC Willie legato ai più piccoli.

Sandro da dove nasce la voglia di creare un gruppo di minibasket a Contigliano?

L’iniziativa è stata del Presidente Cattani che ha fortemente voluto un gruppo di minibasket a Contigliano. Quest’anno il gruppo è formato da dodici bambini , di diverse età. Il successo deriva anche dalla collaborazione con il progetto scuola dell’ Istituto Comprensivo “Antonio Malfatti” di Contigliano con lo scopo di promuovere il movimento.

Da quanto tempo sei allenatore all’interno della NPC Willie?

È il quarto anno che alleno il minibasket a Contigliano e sono anche istruttore delle giovanili. Il mio percorso da allenatore in realtà è iniziato tempo fa ma ho ripreso ad allenare grazie ai mie figli, due dei quali hanno scelto di giocare a basket. Un’ esperienza bellissima perché mi piace rapportarmi con i più piccoli, i bambini mi danno gioia e vita. Ovviamente il lavoro da allenatore nel minibasket ha una valenza diversa rispetto le altre squadre, il nostro allenamento prevede “il gioco sport” che introduce al basket attraverso i giochi. Facendo questo riusciamo a mettere le basi per i fondamentali del gioco, preoccupandoci   di insegnare ai bambini gli schemi motori base come lanciare, correre, rotolare ecc.

Vivi il basket da allenatore, ex giocatore e genitore quindi sai quanto sia importante il rispetto dei ruoli in campo vero?

Mi è capitato di essere allo stesso momento genitore e allenatore ed ho subito messo in chiaro a mio figlio che durante gli allenamenti e le partite la mia figura era quella di tecnico. Le cose sono state più difficili per lui che non per me ma credo che la chiave dell’equilibrio sia quella di rispettare i diversi ruoli: l’allenatore, il genitore ed il giocatore. Con i genitori ho un ottimo rapporto e tengo sempre a spiegare quello che viene fatto per coinvolgerli e fargli capire l’importanza del lavoro fatto con i bambini.

Quanto è importante fare attività fisica sin da piccoli?

Molto importante, considerando che combatte la sedentarietà che affligge molti giovani! Oltretutto oggi i bambini tendono ad essere molto individualisti, applicarsi in un gioco di squadra come il basket è importante, come lo è il sapersi divertire, infondo è pur sempre un gioco. Il basket inoltre aiuta i ragazzi anche a difendersi da soli, ad affrontare le prime difficoltà, è una vera e propria palestra di vita!

 

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *