“In marcia per Rieti – obiettivo 99” sulle prime azioni amministrative della Giunta Cicchetti

comune_di_rieti_15
Print Friendly

“L’associazione “In Marcia per Rieti” intende esprimersi sui primi giorni di governo della nuova giunta Comunale, denotando su diversi temi un atteggiamento contraddittorio e balbettante.

In primo luogo, oltre alla notizia del licenziamento dei lavoratori della Stim, che si sommano a quelli già annunciati dalla Coop. Quadrifoglio e dell’Alcatel che molla gli ultimi lavoratori rimasti, si apprende anche dell’ennesimo ricorso di Acea per l’interferenza d’ambito, assolutamente penalizzante per il nostro territorio.

Di fronte a problematiche di questa portata, il Sindaco di Rieti, la giunta e la sua maggioranza, hanno solo l’assillo di invertire i sensi di marcia di via Vazia e via Borgorose per onorare, forse, i più facili impegni elettorali, denotando però l’assenza di una visione in prospettiva per l’intero contesto provinciale, di cui il Comune di Rieti è l’ente principale.
Proprio questa mattina, si rileva che la giunta si starebbe determinando sul ricostruzione della scuola elementare di Villa Reatina, nonché sui lavori di adeguamento ed ammodernamento del plesso scolastico Guglielmo Marconi.

Si annota che l’Amministrazione deciderebbe in virtù dei pareri tecnici, gli stessi però che dai banchi dell’opposizione reatina venivano ignorati dalla destra quando si criticavano le scelte al tempo compiute; tuttavia, sorge la preoccupazione visto lo scorrere del tempo ed il periodo feriale ricadente prima di metà settembre, perché ad oggi non si offrono delle alternative certe, pure in materia di trasporto e logistica, per i tanti studenti, lavoratori ed insegnanti, nonché per le famiglie che dovranno raggiungere i nuovi e temporanei luoghi che ospiteranno le lezioni.

E’ quindi opportuno che dopo oltre un mese il Sindaco e la nuova Giunta escano dal torpore post elettorale e dal furore della restaurazione per iniziare a risolvere i tanti problemi che assillano la nostra città e l’intero territorio.
Il punto politico è che avendo già conosciuto il loro lavoro dal 1994 al 2012, non si ha un briciolo di fiducia che ci sia un barlume di organica novità gestionale.

Invece, si nutre preoccupazione per alcuni avvicendamenti e trasferimenti nell’ambito degli uffici comunali, peraltro assunti in sordina e con l’assenza dei dirigenti titolari, con particolare riguardo a ciò che sta accadendo presso la Scuola dell’infanzia Sabin di Villa Reatina.

Infatti, alcuni spostamenti, appaiono senza dubbio inopportuni, a meno che non siano addirittura confacenti al progressivo smantellamento del nuovo servizio erogato brillantemente nell’ultimo periodo sia in termini quantitativi che qualitativi delle offerte, proprio grazie al lavoro delle educatrici e dei coordinatori, in base ad un apposito regolamento comunale votato dal centro sinistra nello scorso mese di aprile, che appare puntuale, stringente e difficilmente aggirabile.

Quindi, occorrerà vigilare affinché le cattive prassi del passato, in termine di eccessiva spesa e di pessima gestione del personale, non si ripropongano.
La nostra associazione, per ora rappresentata collegialmente dai sottoscrittori di questo comunicato ma che nel frattempo sta ottenendo un crescente consenso ed altrettanto interesse tra i reatini, comunicherà a breve la data della manifestazione pubblica di presentazione alla città, con ogni dettaglio inerente la propria attività politica e le modalità per l’adesione dei cittadini interessati.”

Per conto dell’associazione:
Gian Piero Marroni, Arianna Grillo, Emanuele Donati, Alessio Piermarini, Simone Munalli, Gabriele Bizzoca e Bernardino De Marco.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento