Impianto compostaggio Salisano, necessario il coinvolgimento della Regione Lazio

rifiuti_differenziata_immondizia_umido_3
Print Friendly

Si è tenuta giovedì pomeriggio la conferenza dei sindaci convocata da Stefano Petrocchi in qualità di presidente della comunità montana Sabina, alla quale hanno partecipato i sindaci di Salisano, Mompeo, Montopoli di Sabina (Grilli è vicepresidente dell’unione di comuni Bassa Sabina), Vacone (Renzi è presidente dell’unione Val d’Aia), Poggio Mirteto, Torri in Sabina, Configni, Cottanello, Roccantica, Montasola. All’ordine del giorno il centro di compostaggio da realizzare a Salisano grazie al finanziamento regionale di 920mila euro.

Solidarietà unanime nei confronti del sindaco e del vicesindaco di Salisano per i vili attacchi personali subiti nelle ultime settimane, portati avanti da alcuni provocatori mossi da ignoranza ed inciviltà, desiderosi di creare un clima di scontro tra la popolazione e le istituzioni che la rappresentano. I rappresentanti degli enti sovracomunali che hanno presentato il progetto alla Regione Lazio (comunità montana Sabina, unione Bassa Sabina, unione Nova Sabina, unione Val d’Aia) di concerto con i sindaci dei comuni coinvolti, ribadiscono che l’impianto di compostaggio da realizzare a Salisano progettato dal Cnr è di piccole dimensioni e, come accertato in altri siti analoghi, non pregiudica la salute di nessuno.

Gli amministratori locali, infine, chiedono il coinvolgimento della Regione Lazio, ben rappresentata politicamente sul territorio, per sostenere questo progetto finanziato dalla giunta Zingaretti e respingere ogni tipo di strumentalizzazione fatta sull’argomento.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento