FORTITUDO CITTA’ DI RIETI BATTE OSTIA 3-1

Fortitudo città di Rieti
Print Friendly
La Fortitudo Città di Rieti batte 3 a 1 le romane dell’Ostia nel secondo turno di Coppa Italia e rimane agganciata a ridosso del Palocco ancora saldo al primo posto del girone.

"La gara contro Ostia – commenta la partita il coach delle reatine Pino Iannuzzi – era per noi un’occasione molto importante per presentarci al pubblico amico e per riscattare la prestazione offerta martedì scorso a Palocco nella prima gara del girone di Coppa Italia. Per prima cosa voglio ringraziare i tanti appassionati che sono venuti al palazzetto per sostenerci. Dopo la gara di martedì avevamo dentro un forte desiderio di proporre qualcosa di pallavolisticamente apprezzabile soprattutto davanti ai nostri sostenitori e dirigenti. L´occasione era ghiotta proprio perché di fronte avevamo Ostia che in estate ha attrezzato una squadra molto interessante con l´obiettivo di essere protagonista nel proprio girone del campionato nazionale di serie B”.

“Siamo partiti subito molto forte, – continua Iannuzzi – ed in breve il distacco di punti nel primo set è diventato dapprima importante, poi incolmabile. In ogni caso la partita è stata a mio avviso interessante; molti scambi lunghi e con spettacolari recuperi in difesa e tanta determinazione da entrambe le parti per aggiudicarsi il match".

"La forma della nostra squadra è quella giusta – conclude il coach reatino – per la fase di preparazione, molto intensa, che fin dai primi giorni di allenamento stiamo portando avanti. Gambe pesanti e braccia non ancora sufficientemente potenti. Sono molto contento per ciò che ho visto in campo e per la partecipazione complessiva di tutto il gruppo a questa vittoria. Ci godiamo questo primo successo consapevoli che la strada per arrivare in forma è ancora lunga; ma quanto visto durante gli allenamenti e nella gara mi fanno sempre più essere convinto che la squadra che ho a disposizione sta crescendo e farà sempre il massimo per regalare soddisfazioni alla società, al pubblico e ai sostenitori reatini".

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *