FESTA DEMOCRATICA DELL’UNITA': RIDURRE DEL 50% LE INDENNITA’ DEI CONSIGLIERI REGIONE LAZIO

Pd Passo Corese
Print Friendly

Nell’ambito della Festa Democratica dell’Unità, svolta a Contigliano dal 5 al 9 settembre u.s., il Circolo PD di Contigliano ha organizzato un dibattito sul tema dei costi della democrazia e della politica nell’ottica di un indispensabile intervento teso a riformare i primi e a ridurre gli altri.

Il proliferare di iniziative (il referendum sui vitalizi è solo l’ultima) sembrano attrarre anche singoli militanti e  dirigenti di Partito che immaginano, in tal modo,  di ottenere qualche benefica indulgenza da un’opinione pubblica ormai incattivita da tante pessime prove della Politica e da una martellante e orientata campagna dei mass media.

A ben riflettere sui cosiddetti costi della politica  è cresciuta una vera e propria “industria” parallela, fatta dai ritorni economici di una vasta editoria e dai benefit pubblicitari derivati dall’audience  di molteplici trasmissioni televisive; c’è poi l’altra industria, quella di personaggi e gruppi politici, che privi di qualsiasi idea o progetto per l’ITALIA e per il lavoro, cercano di capitalizzare la rabbia diffusa nella società, moltiplicando i focolai d’incendio con slogan urlati e raramente verificati.

Di fronte a tale situazione, dove il tutti contro tutti rischia di produrre nei corpi sociali un rancore diffuso, una forza politica  responsabile, come il PD, deve farsi promotrice di iniziative concrete e tangibili, capaci di riformare e sostenere  costi realistici della DEMOCRAZIA e ridurre a soglie di tollerabilità i costi della POLITICA.

Dal dibattito scaturito alla Festa e con tali e ulteriori riflessioni, ci permettiamo di invitare i vertici del PD Provinciale e Regionale, a chiedere formalmente  al gruppo regionale del PD di avanzare una proposta di legge regionale finalizzata alla riduzione del 50% delle indennità dei Consiglieri Regionali del Lazio, determinando in tal modo una analoga e altrettanto robusta riduzione dei vitalizi, che come noto sono legati in percentuale (30%) all’indennità dei Consiglieri e che scenderebbero così dentro soglie di tollerabilità sociale.

In tal modo si genererebbero importanti economie nel bilancio del Consiglio Regionale, si darebbe un chiaro segnale all’opinione pubblica e si eviterebbe di  scivolare dentro il pantano dell’antipolitica.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento