EMERGENZA MIDOLLO. NEL LAZIO DIMINUISCONO I DONATORI

SPES
Print Friendly

Nel 2008 a fronte dei 3.577 pazienti in attesa di trapianto, circa 400 in più rispetto al 2007, nel Lazio sono stati effettuati solo 7 espianti. In controtendenza rispetto al dato nazionale, che è andato costantemente aumentando, nel Lazio il numero dei potenziali donatori nel 2008 è sceso a 9.249, dai 9.320 del 2007 (fonte: IBMDR).

Il dato è particolarmente allarmante se si pensa che solo 1 donatore su 100.000 è compatibile con una persona non consanguinea e solo 1 su 4 con fratelli o sorelle. A questo si aggiunge che non tutti possono effettivamente diventare donatori, a causa di limitazioni legate all’età, allo stato di salute e ad altri fattori. 

A richiamare l’attenzione sull’emergenza midollo è ADMO, Associazione Donatori Midollo Osseo, attiva nel Lazio dal 1996 e fondata in Italia nel 1990, che per l’occasione rilancia lo spot “Voglia di Vivere”. Il video, nato in primavera con il patrocinio del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali – Settore Salute e del Centro Nazionale Trapianti, torna oggi a riproporsi in tutta la sua attualità.

Il problema è dovuto al fatto che gran parte dei donatori sta superando il limite massimo d’età, ovvero 55 anni, e dall’altra parte non ci sono giovani pronti a “sostituirli”. Questo fa sì che il numero dei potenziali donatori diminuisca costantemente.

"Voglia di Vivere” nasce non solo per sensibilizzare i potenziali donatori, ma anche per dare informazioni utili e sfatare falsi miti. Un esempio è il fatto che a volte il midollo osseo viene confuso con il midollo spinale, portando così molte persone ad aver paura e per questo rinunciare a donare.

Basta un semplice prelievo del sangue per diventare potenziali donatori. Per farlo, è sufficiente contattare l’ADMO e procedere così alla classificazione del midollo osseo. I nominativi vengono poi inseriti nel “Registro Donatori Midollo Osseo”, una banca dati con sede a Genova, che solo in caso di necessità si attiva per selezionare un midollo osseo compatibile.

ADMO aderisce al “Programma di Donazione di Midollo Osseo” che dal 1989 è finalizzato a trovare donatori per pazienti in attesa di trapianto per patologie quali leucemie, mielomi, aplasia midollare, immunodeficienze e disturbi del metabolismo.

ADMO, Associazione Donatori Midollo Osseo, opera nel Lazio nelle sedi di Roma, Viterbo, Latina e Amaseno (FR).

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento