Dove comincia il Cielo, sette convegni per comprendere i tempi che viviamo

chiesa_avventista_dove_comincia_il_cielo_25_10_15
Print Friendly

Si terranno a Rieti, presso la Chiesa Avventista in piazzale Angelucci ogni domenica alle ore 17:30, sette conferenze pubbliche ad ingresso libero dal titolo: “Dove comincia il Cielo – I segni del ritorno del Messia e il nuovo ordine mondiale”, oratore Luigi Caratelli.

Il primo convegno si terrà domenica 25 ottobre: Se Nostradamus avesse letto la Bibbia – Le profezie mai avveratisi.

Siamo nel 2015 e a quanto pare l’abbiamo scampata bella! Si, perché secondo alcuni interpreti di presunte profezie Maya saremmo dovuti sparire, tutti, nel dicembre 2012. E’ vero che si è poi aggiustato il tiro dicendo che la verità del calendario indio voleva dire tutt’altro, ma intanto ci hanno provato ancora.

Sempre loro i tanti profeti che hanno tormentato la nostra civiltà con i loro presagi di sventura. Il mondo, secondo loro, sarebbe dovuto finire già molto tempo prima del 2012. Senza rivangare i terrori dell’anno 1000 possiamo ricordare vaticini successivi, fino a giungere a tempi a noi più vicini.

Si possono ricordare le profezie della “Grande Piramide” di Cheope, quelle di Santa Brigida e del Ragno Nero tutte indicanti, come data dell’Apocalisse, il 1980 della nostra era. Tutto liscio come l’olio: l’Apocalisse non c’è stata.

Nel 1978 Boris Cristoff, che si definiva “astrologo serio”, scrisse un libro intitolato “La grande catastrofe del 1983”, nelle cui pagine indicava quella data come inizio della terza guerra mondiale. Lui stesso motivava così le sue certezze: “E proprio a causa della sicurezza che mi dà l’aver visto realizzate le mie precedenti predizioni mi sento ora di affermare che verso il 1983 il nostro pianeta subirà la più grande catastrofe da molti secoli a questa parte… avrà inizio nel 1983 e si concluderà nel 1984. Colpirà gran parte dell’emisfero settentrionale, falciando molte più vite delle guerre del passato. Poi sulla terra regnerà una pace universale”.

Naturalmente la guerra finale e la successiva pace, anche se sempre possibili, non si sono viste all’appuntamento con la “sicura” data profetizzata.

Eppure c’è chi, con un’esperienza diametralmente opposta ai personaggi menzionati, ha predetto senza fallire la Prima Guerra Mondiale, il terremoto di San Francisco e numerosi altri scenari storici.
Una curiosità: studiava assiduamente la Bibbia. Forse è ciò che è mancato a Nostradamus e suoi emuli e anticipatori?

Per informazioni: d.benini@avvenstisti.it

Di seguito il programma completo delle conferenze pubbliche

Domenica 25 otto.  ore 17:30 – Se Nostradamus avesse letto la Bibbia, le profezie mai avveratisi
Domenica 01 nov.  ore 17:30 –
L’orologio del cielo, le profezie che si sono avverate
Domenica 08 nov.  ore 17:30 –
Al capezzale di Gaia, le conseguenze del cambiamento climatico
Domenica 15 nov. ore 17:30 – Il grido dei poveri, finanza e sfide epocali
Domenica 22 nov. ore 17:30 – Ma quanti Messia! Sono tutti da ascoltare?
Domenica 29 nov. ore 17:30 – Il solo Messia, una profezia l’aveva detto 500 anni prima
Domenica 06 dic. ore 17:30 – Il mistero di Orione, il futuro tra le mani

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento