Donare rigenera il sangue. Appuntamento domenica 2 aprile a Castelnuovo di Farfa

avis_castelnuovo_di_farfa_raccolta_sangue
Print Friendly

Tutti pensano che donare il sangue sia un grande atto di solidarietà e di altruismo. Ma forse pochi sanno che donare il sangue è anche un modo per tenere sotto controllo la propria salute facendo una corretta prevenzione. Ogni donatore, infatti, è sottoposto a esami specifici periodici che permettono di tenere sotto controllo i principali organi e i valori di colesterolo, glicemia e trigliceridi. Per poter essere ammessi ogni volta a donare, i donatori sono motivati a fare una vita sana, avendo cura dell’alimentazione e facendo attività fisica.

E’ privo di fondamento ritenere che donare il sangue possa far male, privandoci di difese. Non è così. La donazione, al contrario, fa rigenerare il sangue e ricarica il nostro organismo facendoci sentire bene con il corpo e regalandoci quella bella sensazione di serenità della mente che arriva dopo un gesto di solidarietà.

Sono infondati alcuni timori che purtroppo ancora oggi scoraggiano le donazioni, quali, per esempio, pericoli per la salute, dolore durante il prelievo o rischio di assuefazione. Nulla di più falso. Durante la donazione vengono prelevati al massimo 450 millilitri di sangue su circa 7 litri contenuti dal nostro corpo. Il sangue donato, affermano i medici, viene rigenerato dall’organismo del donatore in poco tempo: bastano solo poche ore per tornare ad avere le stesse quantità di plasma e piastrine che si avevano prima della donazione, ed una settimana per rigenerare i globuli rossi. Molti studi anche di recente hanno dimostrato che donare il sangue almeno due volte l’anno aiuta a ridurre i rischi di malattie cardiovascolari o di diabete. Donare sangue salva la vita a chi riceve il sangue e mantiene sano il donatore. Infatti, il sangue raccolto, prima di essere utilizzato, è sottoposto a controlli scrupolosi per individuare eventuali virus infettivi e rilevare eventuali valori anomali, che evidenzierebbero problemi di salute del donatore.

E’ in questo senso esemplare e commovente la storia di un giovane donatore dell’Avis che scoprì un tumore maligno grazie ad una donazione di sangue. “Avis mi ha salvato” egli ha scritto, perché grazie ai controlli periodici ha potuto prendere in tempo il suo male.

A differenza di altri paesi, in Italia non solo i controlli sono più severi, ma il donatore è invitato a far parte di un’organizzazione come AVIS, che lo segue nel suo percorso di vita allo scopo di motivarlo a mantenersi sano. E questo, come abbiamo detto, gli viene assicurato dai controlli e dalle visite periodiche di un medico specializzato.

“Il donatore di sangue pertanto è il cittadino più controllato a spese dello Stato”, ha sostenuto la Fondazione Veronesi, “ e la donazione di sangue non è pericolosa per nessuno, né per chi lo dà e né per chi lo riceve”.

Andiamo tutti a donare con fiducia. Donare il sangue è un atto volontario e gratuito, è un dovere civico. Domenica 2 aprile a Castelnuovo di Farfa un’autoemoteca è a disposizione di chiunque voglia fare questo gesto d’amore che fa bene al cuore.

Giuseppe Manzo \ donatore AVIS

1 Commento
  • giuseppe manzo 335 78 11 977

    Un successo la donazione sangue di domenica 2 aprile 2017 a Castelnuovo di Farfa: un immenso GRAZIE ai donatori, agli organizzatori del Gruppo Avis del paese e a Rietinvetrina . Donare salva la vita a chi riceve il sangue e mantiene sano il donatore. Donare è un atto volontario e un dovere civico … un gesto d’amore che fa bene al cuore.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento