Coach Rossi: squadra disunita. Perdere Olasewere ci ha danneggiato

npc_legnano_7_gennaio_2018_2
Print Friendly

Si chiude con una sconfitta il girone di andata per la NPC. Per coach Rossi, che ha commentato l’incontro in conferenza stampa, quella di stasera è stata: “una partita che insegna che per competere ad un livello superiore, come immaginavo fosse Legnano, c’è bisogno di fare qualcosa in più. Sicuramente alcune scelte sul piano partita non hanno pagato perché loro sono stati molto bravi a concretizzare quello che noi abbiamo lasciato sul campo, soprattutto nei tiri da fuori dove hanno avuto percentuali importanti. Ci siamo disuniti troppo presto, in parte, credo, perché non siamo abituati a dover rincorrere gli avversari e ne abbiamo risentito. Mi auguro che la partita di oggi ci serva da insegnamento, perché quando si gioca con squadre di alto livello bisogna saper rispettare il valore dell’avversario. Legnano, oggi, ha avuto una grande intensità in campo, superiore alla nostra.”

Per Legano la panchina è stato un valore aggiunto importante, come sottolinea Rossi: “La decisione di mettersi a zona sul finale è dovuta dal tentativo di bloccare il ritmo che Legnano aveva trovato al tiro. Abbiamo cercato di cambiare i tempi e gli spazi del gioco ma anche la loro panchina è stata ampiamente all’altezza ed ha saputo concretizzare quello che noi abbiamo lasciato in campo. Sapevamo di dover mantenere alta l’attenzione su giocatori come Raivio, Martini e Zanelli, ma sono stati bravi a muovere la palla e a trovare giocatori liberi.”

La NPC è stata privata anzitempo – per via dei falli commessi – di un giocatore come Olasewere e questo ha inevitabilmente influito sull’andamento della partita. “Sicuramente i falli di Olasewere ci hanno privato di lui sin da subito e questo ha condizionato la partita, ma al di là delle singole prestazioni ritengo che il problema sia stato quello di disunirsi troppo presto. Resta il fatto che dobbiamo focalizzarci sui 91 punti di Legnano che oggettivamente ci servono da lezione per poter giocare le partite più difficili ad un livello di concentrazione più alto”

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *