Cittaducale, Angeletti: costante lavoro in difesa dei diritti della donna e dei minori

maria_grazia_angeletti_1
Print Friendly

Dopo la giornata internazionale contro la violenza sulle donne l’assessorato ai servizi sociali del Comune di Cittaducale vuole tornare a sollecitare istituzioni e cittadinanza tutta ad una riflessione sul fenomeno che sfortunatamente ha insistito ed insiste anche nella nostra, seppur piccola, realtà.

“Da tempo e ancora oggi – dichiara l’assessore ai Servizi Sociali, Maria Grazia Angeletti – i servizi sociali si occupano di contrastare la problematica sociale relativa alla violenza contro le donne che si manifesta sotto diverse forme, molto spesso latenti e sottovalutate. L’impegno di questo Assessorato è costante e vigile, parte dall’accoglienza della vittima e arriva alla gestione e presa in carico fornendo sostegno concreto alle donne che subiscono soprusi fisici e psicologici. Nel mezzo molto spesso ci sono figli minori, vittime e spettatori inermi, se non a volte coinvolti nei maltrattamenti stessi. Unitamente alle forze dell’ordine, l’Assessorato e il settore servizi sociali in prima linea si sono occupati di gestire le emergenze verificatesi proprio sul nostro comune.

Con professionalità e solerzia il servizio sociale ha messo in atto interventi di protezione (della donna e del minore), di sostegno psicologico e di restituzione della dignità, dando voce a chi da tempo l’aveva persa e a chi, per timore e vergogna, subiva in silenzio le angherie di un uomo che diceva di amarla. Questo Assessorato oltre che operare nelle situazioni di conclamata emergenza spende risorse ed energie sulla prevenzione, credendo fermamente che sia necessario ricreare una coscienza collettiva pregna di valori e di rispetto per l’altro. Mediamente in un anno il Comune di Cittaducale investe a tale scopo circa 35.000 Euro (per ricoveri in strutture protette, supporto psico-sociale, sostegno al minore vittima, prevenzione e altro ancora). Prendersi cura della collettività e impegnarsi civilmente è ciò che facciamo all’Interno dell’Amministrazione, vogliamo scardinare l’idea della mera assistenza che per troppo tempo si è esplicitata per lo più attraverso l’erogazione di contributi economici fini a se stessi.

Vogliamo oggi andare verso l’idea di un servizio sociale garantista e tutelante, un servizio sociale non mosso dalla ‘pietas’ ma professionale ed avanguardista. Allora non solo per il 25 novembre rinnovo l’impegno della Giunta e dell’Assessorato che guido affinché mai più ci sia la necessità di celebrare sporadicamente una ricorrenze e invito chiunque si trovi in prima persona o anche chi sia solo a conoscenza del problema ad affrontare il dramma della violenza a denunciare presso le forze dell’ordine o presso gli uffici di servizio sociale perché uscire dal silenzio è il primo passo verso la libertà e la vita.

Noi ci siamo e per questo ringrazio tutto lo staff del settore Servizi Sociali che, con la continua disponibilità, umanità, dedizione e professionalità, ha contribuito quotidianamente, e continuerà a farlo, al raggiungimento di obiettivi che a volte sembrano insormontabili”.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento