CA.RI.RI., TRENTA POSTI DI LAVORO A RISCHIO

Print Friendly

Cassa di Risparmio di RietiTrenta posti a rischio alla Cassa di Risparmio di Rieti.
I dipendenti della Cariri ben presto verranno trasferiti a Spoleto e con loro, il servizio Bosp-back office, la cassa centrale e la tesoreria. Immediatamente la Cisl e Uil puntano il dito contro lo scarso peso del cda reatino e l’indifferenza delle istituzioni locali. “Decisione gravissima dei vertici dell’istituto, comportamento inqualificabile del consiglio di amministrazione, silenzio inammissibile delle istituzioni delle forze politiche cittadine – commenta Pescetelli della Cisl – Rieti non perde solo 30 posti di lavoro ma peso decisionale in una banca che è del territorio solo sulla carta ma lo è molto meno nella realtà”.

E sull’eventuale operazione di trasferimento chiede chiarezza anche Uilca. Sarebbe un trasferimento in massa mai registrato prima. “Non si perderà alcun posto – ha replicato il presidente della Cariri, Alessandro Rinaldi – si tratta solamente di un cambio di sede di lavoro”. La Uil infine chiede un approfondimento con il presidente della Holding e della Cassa di risparmio.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento