AZZARO, UILM : OGGI SCHNEIDER IERI ALCATEL I FRANCESI VANNO VIA DA RIETI

Schneider Rieti
Print Friendly
Azione di una gravità senza precedenti. Uno schiaffo al sindacato, ai lavoratori e al Governo. La multinazionale con una comunicazione alle segreterie nazionali nel corso di una riunione specifica sullo stabilimento reatino, ha annunciato la chiusura del sito.

Circa 170 dipendenti, e da diverso tempo scarico di nuove mission, a seguito delle continue delocalizzazioni. Un ulteriore picconata in un territorio che ha visto in pochi anni chiudere diverse aziende di spessore sia tecnologico che dimensionale. Adesso occorre che il Ministro del Dicastero dello Sviluppo Economico chieda conto alla Multinazionale Francese, sia della scelta che delle modalità.

In Italia la Schneider ha realtà produttive a Casavatore, Savona, Venaria (To) e Stezzano (Bg) Camerini Provinciale Uilm: La decisione di chiudere lo stabilimento di Rieti è una tragedia annunciata per un territorio che non ha difese e anticorpi sufficienti,e mi riferisco a una politica scialba e inconcludente sulle questioni del LAVORO nel Reatino. E queste non sono solo supposizioni sono fatti che non si possono smentire. Le multinazionali Francesi già è il secondo stabilimento che mettono in condizioni di chiusura, ieri lo stabilimento produttivo dell’Alcatel 200 lavoratori oggi Schneider 170 lavoratori. Quanto ancora dovremmo subire questa situazione di industrializzazione?.
Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento