Pier Luigi Mariani

Nacque il 24 luglio 1908 a Rieti in Via Roma, nell’abitazione dei propri genitori Elena Fulio Bragoni e Gioacchino Mariani, possidente.
Ebbe due fratellini minori: Mario, nato nel 1910 e Carolina, nata nel 1911, morta a soli 33 anni.
Ebbe un’infanzia agiata, ma priva delle cure della madre, che gli morì l’11 aprile 1911.
Nel 1915 il padre Gioacchino sposò in seconde nozze Maria Anna Tuzi, di 18 anni più giovane di lui. Dopo le Scuole elementari frequentò le Superiori ed ebbe come compagni di classe Renato Lucarelli ed Indro Montanelli. Al liceo ebbe come compagna di scuola Teresa Petrini, detta "Ornella", che diventerà sua moglie. Ancora giovane studente, lasciò gli studi per divenire autodidatta poeta, drammaturgo ed interprete sensibile della poetica greca.

Pier Luigi Mariani

Ritratto di Pier Luigi Mariani
di Florenzo Spadoni olio, 1950 (incompiuto)

Ancor giovane, negli anni venti, si impiegò, come cancelliere, alla Procura di Milano. Nel 1931 tornò a Rieti, lavorando come impiegato nella "Federazione Fascista".  Da allora ebbe un’intensa attività letteraria, teatrale e poetica. Morì a Rieti in 16 maggio dell’anno 1952.

Le Opere:

 

"Dal mio campanile" raccolta di sonetti in vernacolo reatino

"Garbino" raccolta di poesie, con dedica a Lionello Fiumi – Ed. "Il Girasole", stampato nel maggio 1950 in 300 esemplari, numerati.

"Corona" antologia di lirici greci, da lui stesso tradotti per le Ed. "Il Girasole". Tip. fratelli Faraoni. Primavera del 1945.

"Costellazione" liriche. Ed. "Il Girasole".

"Terrena Estate" raccolta, con dedica al padre, della collana di poesie a cura di Mario Gastaldi, a stampa delle Arti Grafiche Nobili, del 27 ottobre 1937. Ed. "Quaderni di poesia".

"Cielo del mio paese" Ed. "Collana di Misura" Bergamo 1947. (Premio di poesia Isola d’Elba e premio Sibilla – 1948).

Scritti e teatro minore – (teatro per bambini e teatro dei burattini):

"Cristofolo e Colombo" – romanzo per ragazzi.

"Mi maggiore, tempo di valzer", "L’incendio indomabile" e "Quell’antipatico di Amilcare" – Tre commedie in un atto, scritto nel giro di pochi giorni, di cui l’ultima firmata con lo pseudonimo di Wladimiro Voinaroff.

"Quattro scarpe rotte e un soldo" – prima fiaba scritta nel 1931 e musicata da Giovanni Marconicchio.

"Serenata a la bardascia" – atto unico, scritto nel 1932.

"Mammoletta" e "Tre sorelline carine ma sciocchine" sono due fiabe in tre atti, musicate da Giovanni Marconicchio.

"Pulcinella, sordomuto per fame arretrata" – commedia musicale per il teatro dei burattini.

"Africa canta" – "Il bombardiere di Siviglia" – "Otella, la mora di Venezia" – sono tre commedie musicali, scritte tra il 1936/1937.

"Veliniana" – rivista musicale, mai rappresentata.

Teatro maggiore – (in lingua):

"Itaca non è più" – favola eroica in cinque quadri, ambientata al tempo della guerra di Troia; scritta nel 1946 e premiata al concorso nazionale S.Pellegrino.

"Amore è un desio" – Atto unico in versi, edito nel 1931.

"Sogno di un plenilunio d’estate" – pubblicata nel 1946.

"Rosolaccio" – atto unico, con musiche di Giovanni Marconicchio.

"L’amore ‘ncagnarellu" – atto unico, rappresentato in 13 febbraio 1950 al Teatro Flavio Vespasiano di Rieti – segna l’inizio della tradizione teatrale vernacolare reatina.

"Lu piccaru" – commedia in tre atti di grande successo, che ribadisce in gradimento del pubblico reatino per il teatro vernacolare.

"Lu cuccumellu" – commedia in tre atti, ambientata al tempo della Repubblica Romana del 1849.

"Riète méa" – commedia in tre atti, rappresentata al Teatro "Moderno" di Rieti, il dicembre 1951.

L’ultima fiaba per il mondo dei piccoli "Sogno di una notte di luna" per le musiche del maestro Mario Tiberti, la scrisse a pochi giorni dalla morte. Ebbe il tempo di scrivere i primi due atti, lasciando incompleto il terzo.

a cura di Vincenzo Marchioni

Pier Luigi Mariani

Dal mio campanile

Oh! Mmo’ che stajo su nnu campanile,
ma’ mme nne òglio fane dde risate!
Mm’ òglio abbottà dde gustu lu rocile,
bbòglio cantà a cciccòna e ffa’ a ssassate!

Mo’ stajo ‘n cima a tuttu, e sso ‘n zignore,
e mme la canto a ffrorza dde sonitti;
apprétto chi bbò nasce e cchi sse mòre,
e sse mme pare bbajo pe li titti.

Da ddècco su me gnòtto lo serinu,
dda ddècco su me godo tuttu àntu,
e la campagna rossa tengo ecinu.

Scròpo tuttu lo pianu, e sso ccontèntu,
bbèdo Riète meu dde sòle pinu,
bbèdo li fattarèlli a ccèntu a ccèntu!

 

Incontro col jettatore

Mancu lu ‘iddi, me sse rammoré
la sigaretta che mme jéo fumènno:
oppo, l’ombrella nòa me sse perdè,
propiu ‘ntramente che staea pioènno.

Me nne rejéo a ccasa smadonnènno
e dditti una muccàta e mme ‘ntonté:
unu ‘mpiastr’e moléllu jéa corènno,
me ‘ntruppò e nne lu muru me sbatté.

Oppo, se bbo’ che tutta te la ‘ica,
una tìula me càe ddu’ passi ‘nnanti,
che se mme piglia ‘n capu, me scinìca.

A’ témpu a bbiastimà tutti li Santi!
Quanno che bborzi rappiccià la cica,
mancu pigliàanu ppiù li furminanti!!!

(Scritta nel 1943)

La vita

Esto campane è ccome un pontecillu
che addaemo passà ‘na orde sola:
è un ponte piccirillu piccirillu
e ppare bbellu che tte reconsola.

Quanno ce passi, allò bbengu li guai:
prechè lu ponte è ccurtu, e strittu strittu
che più dde un ome non ce passa mai
e ppe appojatte non ci sta un murittu.

A entrà nnu ponte bbolemo esse tanti,
cercamo dde ajutacce co le spente e ffacemo a cazzotti tutti anti.

Quann’ò a scappà, non ce mutamo anzi,
ddiceressimo a ttutta l’altra ggente:
- po fatte lu piacere, passa ‘nnanzi.

1 Commento