APERTURA DELLA CACCIA ALL’INSEGNA DELLA CORRETTEZZA E DEL BUON SENSO

Caccia
Print Friendly

Si è svolta regolarmente l’apertura generale della stagione venatoria 2012-2013 nel territorio provinciale.

Il Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Rieti  ha, come di consueto, predisposto  i controlli di rito in applicazione della Legge regionale n.17 del 02.05.1995, tesi a favorire il corretto svolgimento della caccia ma anche a prevenire e reprimere i reati ad essa connessi, in tutto il territorio della provincia di Rieti.

In via preventiva i controlli sul territorio hanno avuto inizio già dalla giornata di sabato 15 settembre e nella giornata di ieri sono stati sottoposti a controllo numerosi cacciatori, anche provenienti da fuori provincia, da parte delle numerose pattuglie dislocate sul territorio  fin dalle prime luci dell’alba. Il buon senso e la correttezza dei cacciatori hanno fatto registrate poche sanzioni, esclusivamente di carattere amministrativo, legate  per esempio al mancato rispetto della distanza da vie di comunicazione e/o abitazioni. Nessuna infrazione di natura penale è stata rilevata. Anche gli inseparabili “amici dell’uomo”, capaci di fare la differenza durante l’attività venatoria, stante la loro prima  uscita hanno accusato subito la stanchezza, per cui molti sportivi sono rientrati anticipatamente rispetto ai tempi canonici, proprio per consentire ai loro cani di recuperare le energie per i giorni successivi.

Alcuni consigli a cui fare riferimento per esercitare l’attività venatoria all’insegna del rispetto delle regole e dell’ambiente:

- verificare che la licenza di caccia sia in corso di validità;

- verificare che la copertura assicurativa non sia scaduta;

- ricordarsi che il silenzio venatorio è previsto nei giorni di  martedì e venerdì e che ogni cacciatore ha a disposizione tre giorni  a
  sua scelta da individuare tra quelli in cui la caccia è consentita;

- non cacciare nelle zone percorse dal fuoco (numerose sono le zone che  questo anno sono state teatro di incendio);

- verificare di essere in possesso dell’Ambito Territoriale di Caccia (A.T.C.);

- tenersi a distanza  sia dalle abitazione che dalle vie di comunicazione;

- rispettare le normative  relative al transito fuori strada;

- non danneggiare  i campi in attività di coltura;

- non abbandonare sul posto i bossoli esplosi ma neanche gli involucri dei generi di conforto;

- prima di abbattere un esemplare di avifauna, accertarsi che appartenga alle specie  previste dal Decreto  sopracitato;

- rispettare le distante tra i vari appostamenti  anche  al fine di evitare  pericolo per l’incolumità degli altri cacciatori.

I 21 Comandi Stazioni dislocati sul territorio sono a disposizione dei cacciatori  e dei cittadini  per fornire delucidazioni e informazioni sullo svolgimento dell’attività venatoria, inoltre il Comando Provinciale garantisce l’impegno istituzionale del Corpo Forestale dello Stato  in  questo delicato settore,  ricordando  che il numero verde di emergenze ambientali 1515, gratuito sia da telefonia fissa che mobile, è sempre a disposizione del cittadino anche per segnalare violazioni relative allo svolgimento della caccia.

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento