Amatrice, Comitato 3e36: il Comune non ascolta le nostre richieste

amatrice_scuola_liceo_scientifico_campo_trentino_3
Print Friendly

Il Comitato Civico 3e36 si chiede perché, nonostante le preoccupazioni più volte espresse dagli abitanti di Amatrice, che ha subìto col sisma del 24 agosto 2016 il crollo di una scuola e dello stesso palazzo del Comune, e il gravissimo danneggiamento di tutti i suoi edifici strategici, in tanti mesi l’Amministrazione comunale non abbia mai ritenuto opportuno riunire in assemblea la Cittadinanza per confrontarsi su temi di fondamentale importanza che richiedono l’ascolto di tutti: ad esempio per fugare i legittimi dubbi che pesano sulla sicurezza della localizzazione decisa per il nuovo definitivo Polo scolastico, finanziato dalla Ferrari di Sergio Marchionne.

Denunciamo la gravissima mancanza di studi approfonditi che permettano di definire l’idoneità della collocazione degli edifici, e in generale quali siano le tecnologie più appropriate per ricostruire in modo sicuro il nostro tessuto edilizio. La ricostruzione sta iniziando su basi precarie.

Rimarchiamo che la costruzione del nuovo Polo scolastico, nella sua forma attuale, decreterà lo smantellamento, a meno di un anno dalla sua inaugurazione, della “scuola del miracolo” costruita in tempi record subito dopo il sisma del 24 agosto 2016 dai volontari trentini della Protezione Civile.

Ci meraviglia che il dottor Marchionne, a cui riconosciamo onestà intellettuale e lungimiranza, si sia lasciato associare allo schiaffo dato dall’Amministrazione comunale ai nostri benefattori del Trentino, i primi a sostenerci ed ad infonderci speranza dopo il sisma, con la decisione di non rispettare quanto costruirono per noi con le loro mani e il loro cuore.

Il Comitato Civico 3e36 ha chiesto più volte e con urgenza un incontro con l’Amministrazione comunale di Amatrice, che a parole accoglie il principio partecipativo addirittura quale fondamento statutario, per confrontarsi su questo e altri fondamentali temi. A oggi le nostre richieste di dialogo rimangono inascoltate.

Chiediamo con forza che l’Amministrazione comunale di Amatrice cominci ad ascoltare i suoi cittadini e a dialogare sui temi fondamentali per il nostrofuturo, per primo il nuovo Polo scolastico.
Non è mai troppo tardi.

Comitato Civico 3e36

Lascia un commento

— obbligatorio *

— obbligatorio *

Current ye@r *

Rietinvetrina - Realizzato da StudioEvento